Home

Chi siamo

Scritto da GPL. Postato in Commissioni GPL

Siamo un gruppo di giovani psicologi che hanno in comune l’esigenza di sentirsi soggetti attivi e partecipi nell’ambito di una professione che rischia di divenire sempre più isolata, soprattutto nella sua espressione più giovane.
Sulla base delle esperienze da noi vissute (che troppo spesso si sono rivelate simili) e consapevoli della funzione sociale della nostra professione, abbiamo sentito l’esigenza di cercare un canale preferenziale di comunicazione e contatto con i colleghi, con altre categorie professionali che con noi collaborano, con le Università e con gli Ordini Professionali.

Comunicato Stampa sul caso Bignardi inviato a OPL, CNOP, La7 e giornali

Scritto da Cecilia Pecchioli. Postato in Commissioni GPL

Milano, 20.02.2015 Alla cortese attenzione di Presidente OPL - Ordine degli Psicologi della Lombardia e CNOP- Ordine Nazionale degli Psicologi e pc Redazione de Le Invasioni Barbariche OGGETTO: ABUSO DEL TEST DI RORSCHACH NEL PROGRAMMA TELEVISIVO “LE INVASIONI BARBARICHE” Gent.mi Presidenti come Presidente di GPL – Associazione Giovani Psicologi della Lombardia, realtà che costantemente dialoga con i colleghi del territorio lombardo e non solo, porto con sdegno alla Vostra attenzione l'ennesimo caso di gravissima mancanza di rispetto della nostra categoria, che d'altronde, purtroppo, è ancora poco o per niente tutelata da parte delle Istituzioni preposte. Il fatto: mercoledì scorso 18 Febbraio 2015, nel corso del programma televisivo “Le Invasioni Barbariche”, la conduttrice Daria Bignardi ha “somministrato” il Test di Rorschach come fosse un gioco da tavolo all’ospite che stava intervistando a scopo di spettacolo. Si tratta di un comportamento assolutamente contrario all'articolo 21 del nostro Codice Deontologico che recita: “ […] Sono specifici della professione di psicologo tutti gli strumenti e le tecniche conoscitive e di intervento relative a processi psichici basati sull’applicazione di principi, conoscenze, modelli o costrutti psicologici”. Questo articolo comporta che un test psicologico non può essere somministrato se non da un professionista che possiede le competenze e le conoscenze certificate, uno status sancito dall'Ordine e che l'Ordine ha il dovere e il diritto di tutelare. Non solo. Nel comportamento della Bignardi vi è un pericoloso danno per i nostri pazienti. Infatti, le tavole per essere efficaci non devono essere note al paziente. Sono quindi evidenti anche le conseguenze causate alle tante persone che hanno bisogno del nostro aiuto. Chiedo pertanto, a nome di tutti i colleghi che rappresento, un intervento tempestivo ed efficace degli Ordini che presiedete, sui responsabili del programma 'Le Invasioni barbariche' per ottenere in trasmissione e con la stessa visibilità la dichiarazione di mancato rispetto della deontologia della professione dello psicologo, del rigore scientifico del Test di Rorschach e dei pazienti che ne hanno bisogno per il loro benessere. Ci auguriamo, che codesti Ordini vogliano da oggi mettere in atto le necessarie iniziative a ogni livello per realizzare la loro mission di tutela della categoria, onde tutelare la professione di psicologo, al fine di prevenire altre situazioni del genere e a beneficio di tutti i pubblici interessati alle terapie psicologiche, in primis i pazienti. Confidando in un cortese e immediato riscontro operativo invio Cordiali Saluti Cecilia Pecchioli - Presidente GPL

Daria Bignardi è una psicologa e non lo sapevamo...

Scritto da Cecilia Pecchioli. Postato in Commissioni GPL

Durante il programma televisivo “Le Invasioni Barbariche” la conduttrice Daria Bignardi, che fino a prova contraria non è una psicologa (e qualora lo fosse stata avrebbe immediatamente subito una radiazione automatica dall’albo professionale), ha “somministrato” il Test di Rorschach alla sua ospite Arisa. La questione è molto grave e delicata e merita una particolare attenzione. Come ben sappiamo, e come ben recita il tanto discusso articolo 21 del nostro Codice Deontologico, “sono specifici della professione di psicologo tutti gli strumenti e le tecniche conoscitive e di intervento relative a processi psichici basati sull’applicazione di principi, conoscenze, modelli o costrutti psicologici.” Cosa significa? Che un test psicologico non può essere somministrato se non da un professionista che possiede le giuste competenze e conoscenze. Al pari del bisturi per un medico, o della turbina per un dentista. Un reattivo è uno strumento tecnico, e come tale deve essere utilizzato solo da chi ha le competenze per usarlo. Il Test di Rorschach è uno strumento proiettivo che viene utilizzato per l’indagine della personalità. Si tratta di un reattivo altamente complesso, nonostante a primo acchito possa risultare “semplicistico”. L’alta complessità di questo test richiede una formazione specifica (attualmente si rilascia addirittura un patentino che ne autorizza l’utilizzo) e una costante supervisione. Il programma televisivo ha banalizzato e ridicolizzato uno strumento tecnico “elevandolo” a gioco da tavolo, spogliandolo della sua scientificità e compromettendone la validità (le tavole sono state mostrate in primo piano). GPL esprime tutto il suo sdegno rispetto a quanto accaduto e chiede formalmente sia all’Ordine Regionale che all’Ordine Nazionale un intervento tempestivo e una presa di posizione in merito.

CORSO DI PREPARAZIONE ALL’ESAME DI STATO PER PSICOLOGI organizzato da GPL - II EDIZIONE

Scritto da GPL. Postato in Non categorizzato

Sono state stabilite le date della seconda Seconda Edizione del Corso di Preparazione all'Esame di Stato per Psicologi organizzato da GPL.

Il corso, pensato appositamente per andare incontro alle esigenze dei giovani colleghi, si svolgerà a Milano (sede da definire) nei giorni

  • 16 maggio 2015

  • 23 maggio 2015

  • 30 maggio 2015

Nelle 3 giornate non si parlerà di teoria, ma di come strutturare in modo ragionato e utile le singole prove.

Il corso ha un costo di 144 Euro, cifra agevolata in quanto l'Associazione Spazio Iris, realtà con cui GPL è in sinergia da tempo, ha deciso di coprire parzialmente la quota dell'iscrizione.

Il costo comprende non solo la partecipazione alle 3 giornate, ma anche un servizio personale di tutoring dall’inizio del corso alla data dell’esame, che si svolgerà online tramite la supervisione del docente o di un membro psicologo dello staff.

Oltre a ciò, GPL offre gratuitamente:

- il libro di testo Pecchioli, C. & Pietrabissa, G. (2012) "EdS Psicologia: manuale per la preparazione dell'Esame di Stato per Psicologi" - Ed.Mimesis, di cui la nostra Presidentessa è co-autrice

- l'iscrizione all'Associazione

Per iscriversi, è necessario compilare il form che trovate di seguito ed effettuare il pagamento della quota mediante bonifico al seguente IBAN:

IT83G0569601623000004105X23

Vi aspettiamo numerosi!

 

VAI AL MODULO ONLINE DI ISCRIZIONE

 

GPL DICE NO ALLA NUOVA RIFORMA FISCALE!!!

Scritto da GPL. Postato in Non categorizzato

Come tanti di voi avranno già sentito tramite i giornali ed i social, è stata introdotta una nuova modalità fiscale relativa al regime dei minimi già esistente per i giovani professionisti in fase di avvio della libera professione.

Le novità introdotte, purtroppo (e direi anche ovviamente nel nostro Paese) non sono positive perché prevedono delle limitazioni non indifferenti e uno sgravio fiscale che, detto tra noi, induce più alla trasgressione della legge che al suo rispetto.

GPL, che da sempre si muove in favore dei giovani colleghi, dice NO a questa riforma e ha deciso di attivare un movimento di denuncia contro questo ennesimo movimento contro i giovani!!

Nostro intento è di agire non solo a difesa dei giovani colleghi che quest’anno dovrebbero (o avrebbero voluto) intraprendere la libera professione aprendo una Partita Iva, ma anche a difesa di tutte le categorie professionali.

In questo senso, vogliamo attivare una vera e propria task-force per far sentire la voce di tutti i giovani professionisti, non solo i giovani psicologi!

Contatteremo, dunque, tutte le realtà associative delle varie categorie professionali per unirci contro questo ennesimo movimento castrante per le nuove generazioni!

Se vuoi saperne di più, sia rispetto ai contenuti specifici della riforma fiscale sia rispetto a ciò che GPL attiverà per contrastare la stessa, seguici sul nostro sito www.giovanipsicologi.it e sui nostri social di Facebook, Twitter, Linkedin e Google+.

Cecilia Pecchioli

Presidente GPL

Lettera del Presidente

Scritto da GPL. Postato in Non categorizzato

Cari tutti,

il nuovo anno è ormai avviato e GPL ha in serbo anche per questo 2015 grandi novità ed iniziative di sicuro interesse per voi giovani colleghi.

Molte sono le news dal mondo GPL di cui voglio darvi un’anticipazione!!

- Nuove aree dedicate alla Psicologia dello Sport (siamo già in collaborazione con il CONI per Lunedì di Psico e Sport), alla Psicologia del Lavoro, alla Psicologia Giuridica e Scolastica ove non solo si costruiranno interessanti dialoghi e si proporranno utili contributi, ma si definiranno collaborazioni per ampliare le possibilità di lavoro per i soci

- Nuovo sito GPL, a breve online, ove sarà presente un'area riservata ricca di informazioni utili, di agevolazioni formative e non, e in cui si potrà dialogare in modo interattivo con tutti gli altri soci, per dare spazio al concetto di rete anche nella rete! E ove i soci stessi avranno la possibilità di dar voce alle proprie competenze e conoscenze

- Attualità e cultura psy sempre più centrali grazie ai nuovi collaboratori che si occuperanno di questa sezione

- Soci sempre più protagonisti nella diffusione della cultura psicologica,
attraverso l'organizzazione di seminari, eventi tematici, incontri rivolti al grande pubblico

- Apertura di sedi distaccate provinciali e regionali

- Tutela della professione attraverso voci e azioni attive, come la petizione per i tirocini retribuiti che stiamo portando avanti senza sosta e nuovi movimenti a favore dei giovani colleghi

E non dimentichiamo le tante convenzioni formative a cui stiamo affiancando altre agevolazioni di tipo non formativo!

E come non ricordare il classico appuntamento con gli psicoaperitivi a cui affiancheremo la novità delle cene conviviali!

Insomma, tante le iniziative in cantiere e tante altre da realizzare. E sempre più spazio ai soci, la vera anima dell'Associazione.

Tutti validi motivi per far parte del mondo di GPL!

Per diventare nostro socio segui le istruzioni che trovi sul nostro sito www.giovanipsicologi.it nella sezione “come iscriversi”!

Ricordo invece ai colleghi già associati che la scadenza per il rinnovo è stata prorogata al 28 di febbraio

 

Non perdete l’occasione di diventare protagonisti del vostro futuro, entrate a far parte di GPL!

Con affetto,

Cecilia Pecchioli

Presidente GPL

A proposito del dibattito sulle Terapie Riparative

Scritto da Linda Pola. Postato in News di GPL

 

Il 2015 è cominciato con un acceso dibattito sul Convegno organizzato da Regione Lombardia “Difendere la Famiglia per difendere la Comunità”, ove si contesta caldamente il carattere omofobo di tale conferenza.

GPL , essendo un’Associazione che difende e tutela il più ampio mondo psy anche dal punto di vista del grande pubblico, e rappresentando un motore operativo nella diffusione di una sana cultura psicologica, non può esimersi dall’esprimere il proprio pensiero. Un pensiero che verterà sui contenuti, non sui risvolti politici e politicizzanti della questione.

Innanzitutto, cerchiamo di capire di cosa stiamo parlando. Oggetto di questi dibattiti sono le cosiddette “terapie riparative”, ovvero terapie il cui scopo sarebbe quello di ricondizionare l’orientamento sessuale dei pazienti omosessuali, riportandoli verso l’eterosessualità. La teoria sottostante queste terapie è di Joseph Nicolosi (ma le radici sono ben più antiche) secondo cui l’omosessualità sarebbe il prodotto di una condizione descritta come “carenza di identità sessuale”, causata da una situazione familiare di questo tipo: padre distante, madre opprimente in senso freudiano, figlio con una predisposizione genetica a diventare omosessuale. Detto in altri termini, l’omosessualità, secondo questo filone, sarebbe una specie di immaturità affettiva da correggere.

Stiamo parlando di teorie che sono prive di fondamenti scientifici, sia in termini di efficacia che di utilità. Fino al 1974 l’omosessualità compariva come categoria diagnostica di disturbo mentale sia nella classificazione mondiale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (ICD-9) che in quella dell’APA, American Psychiatric Association (DSM-II). Nei successivi lavori di revisione questa categoria è stata eliminata per lasciare il posto ai cosiddetti Disturbi dell’Identità di Genere, ove per “Identità di Genere” non si fa riferimento al sesso biologico, bensì all’identità sessuale percepita da un individuo. L’identità di genere è completamente indipendente dall’orientamento sessuale e non ne influenza l’oggetto del desiderio. Il “malessere persistente riguardante il proprio sesso assegnato” (Criterio B) è il vissuto di disagio della propria identità e non l’orientamento sessuale di per sé. L’omosessualità non è una psicopatologia, e in quanto tale non necessita di essere curata.

L’intervento psicologico, quindi, non verte su una cura dell’omosessualità, bensì sulla necessità di aiutare e curare un eventuale malessere di coloro che soffrono per il proprio orientamento sessuale, a prescindere da quale sia.

Non dimentichiamo, tra l’altro, che il nostro stesso Codice Deontologico mette in evidenza come lo psicologo non possa prestarsi ad alcuna “terapia riparativa” dell’orientamento sessuale di una persona:

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell'individuo, del gruppo e della comunità. In ogni ambito professionale opera per migliorare la capacità delle persone di comprendere se stessi e gli altri e di comportarsi in maniera consapevole, congrua ed efficace. Lo psicologo è consapevole della responsabilità sociale derivante dal fatto che, nell'esercizio professionale, può intervenire significativamente nella vita degli altri; pertanto deve prestare particolare attenzione ai fattori personali, sociali, organizzativi, finanziari e politici, al fine di evitare l'uso non appropriato della sua influenza, e non utilizza indebitamente la fiducia e le eventuali situazioni di dipendenza dei committenti e degli utenti destinatari della sua prestazione professionale. Lo psicologo è responsabile dei propri atti professionali e delle loro prevedibili dirette conseguenze.

Articolo 4 Nell'esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all'autodeterminazione ed all'autonomia di coloro che si avvalgono delle sue prestazioni; ne rispetta opinioni e credenze, astenendosi dall'imporre il suo sistema di valori; non opera discriminazioni in base a religione, etnia, nazionalità, estrazione sociale, stato socio-economico, sesso di appartenenza, orientamento sessuale, disabilità.Lo psicologo utilizza metodi e tecniche salvaguardando tali principi, e rifiuta la sua collaborazione ad iniziative lesive degli stessi. Quando sorgono conflitti di interesse tra l'utente e l'istituzione presso cui lo psicologo opera, quest'ultimo deve esplicitare alle parti, con chiarezza, i termini delle proprie responsabilità ed i vincoli cui è professionalmente tenuto.In tutti i casi in cui il destinatario ed il committente dell'intervento di sostegno o di psicoterapia non coincidano, lo psicologo tutela prioritariamente il destinatario dell'intervento stesso.

Articolo 5 Lo psicologo è tenuto a mantenere un livello adeguato di preparazione e aggiornamento professionale, con particolare riguardo ai settori nei quali opera. La violazione dell'obbligo di formazione continua, determina un illecito disciplinare che è sanzionato sulla base di quanto stabilito dall'ordinamento professionale. Riconosce i limiti della propria competenza e usa, pertanto solo strumenti teorico – pratici per i quali ha acquisito adeguata competenza e, ove necessario, formale autorizzazione. Lo psicologo impiega metodologie delle quali è in grado di indicare le fonti e riferimenti scientifici, e non suscita, nelle attese del cliente e/o utente, aspettative infondate.

Questa breve sintesi teorica ben evidenzia quale debba essere, anche e soprattutto da un punto di vista etico, la posizione dello psicologo. E ben evidenzia quale sia la posizione di GPL.

La psicologia è una disciplina che si pone al sostegno di coloro che, per un motivo o per un altro, hanno bisogno di un aiuto per trovare il loro posto nel mondo, che soffrono e faticano ad adattarsi alla realtà circostante. Non fa discriminazioni.

La cultura psicologica si pone come cultura della diversità, per il benessere della diversità, per aiutare sempre e comunque le persone ad esprimersi nella loro unicità. Parlare di terapia riparativa è di per sé dannoso, perché il cambiamento si muove e si promuove in un’ottica di maggiore possibilità di espressione del singolo e della sua singolare personalità, senza diversità di genere e di orientamento sessuale. Nessuno deve essere “riparato”.

GPL si allinea alla comunità scientifica rispetto alle terapie riparative, non riconoscendone utilità ed efficacia, non contemplando quindi l’omosessualità come una psicopatologia e non supportando qualsiasi tipo di azione omofoba.

 

Linda Pola

PSICOAPERITIVO CON RICCARDO ZERBETTO

Scritto da GPL. Postato in Psicoaperitivi

unnamed

Cari Colleghi e Amici di GPL, 

per chiudere l'anno in bellezza abbiamo deciso di regalarvi...un Natale da sogno!

Come sapete, ad ogni nostro Psicoapertivo invitiamo un ospite di grande levatura nel mondo della psicologia. In questa occasione ospiteremo il Professor Riccardo Zerbetto, psichiatra e Docente di Psicoterapia della Gestalt presso la scuola C.S.T.G. di Milano, che ci parlerà del sogno.

"Un tema forte e che si presta anche ad un test esperienziale è quello del sogno in una modalità relativamente originale che esprime una sintesi tra approccio gestaltico e junghiano-hillmaniano (archetipico)."

Il Professore sarà a disposizione del pubblico e risponderà alle domande che gli verranno proposte.

LO PSICOAPERITIVO SI SVOLGERA' DOMENICA 14 DICEMBRE, ALLE ORE 19, PRESSO IL LOCALE "SERENDEPICO", PIAZZA CASTELLO 1, MILANO.

Per partecipare è necessario inviare una mail a 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. specificando 
- il vostro nominativo
- il nominativo di colleghi e/o amici con cui desiderate venire.

Iscrizione e partecipazione sono gratuite, l'unico costo da sostenere sarà eventualmente quello della consumazione NON obbligatoria.

In occasione del Natale, abbiamo inoltre in serbo per voi una piccola sorpresa!

Vi aspettiamo!!

CORSO RORSCHACH - FONDAZIONE CECCHINI-PACE

Scritto da GPL. Postato in Non categorizzato

Cari associati e amici di GPL,

La Fondazione Cecchini Pace presenta la nuova edizione del corso NOI RORSCHACH! che inizierà il weekend del 10/11 gennaio 2015.

Il corso prevede 4 moduli intensivi di stampo prettamente teorico e metodologico al termine dei quali è previsto un'esame di profitto che permetterà di ricevere l'attestato di frequenza.

È possibile, al termine dei moduli sopra citati, estendere il proprio percorso formativo attraverso altri 4 incontri formativi di carattere squisitamente tecnico-applicativo.

 

Per ulteriori informazioni è possibile scaricare la locandina del corso al link qui sotto:

http://www.fondazionececchinipace.it/images/corsi/LocandinaRorschach2015.pdf

 

Per tutti i soci GPL è previsto uno sconto del 10%

Copyright © 2013 - 2014 GPL - Giovani Psicologi Lombardia. Tutti i diritti riservati.

Sito web realizzato da Babalooweb.org

A new site is coming..
Courtesy of Go Mylo Countdown